domenica 7 giugno 2009

Un mondo migliore.


Qualcosa di concreto e virtuale.
Controsenso o paradosso? Non saprei dare una risposta, in questo momento mi fa molta paura l'informazione, la fuggo! Cerco una sana informazione, tuttavia, ancora non sento dentro di me questo bisogno e forse attraggo ancora notizie catastrofiche ed esagerate, forse devo trovare dentro di me molta più tranquillità.
Stamani mattina un trattato sul problema OGM in Italia mi ha solleticato le radici e mi ha fatto ondeggiare vorticosamente la chioma.

E' giusto sapere oppure è giusto credere in un mondo migliore? Non basta forse credere intensamente, con tutti i propri sentimenti, in un mondo sano, governato da Madre Natura dove gli uomini sono utenti, spettatori ma non registi?

Da bambino sognavo città immerse nei boschi, poi mi hanno parlato dell'inquinamento e allora chiusi le città sotto immense cupole di vetro e solo gli uomini buoni potevono entrarvi. Adeso vivo in un medio condominio che ha l'immensa fortuna di convivere con un piccolo giardino pubblico. I grandi alberi del giardino si prendono cura del condominio, gli fanno ombra e donano serenità e pace, calma e salute ai condomini.

Grazie Alberi.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Cerca nel blog